Post

Lupin. Una serie tv fatta bene.

Immagine
Ho "divorato" gli episodi della serie tv "Lupin" uscita nel fine settimana su Netflix. Una serie dove Lupin, nel senso del personaggio del ladro gentiluomo non c'è: ma a cui si ispira il protagonista. E questa è l'unica variazione sul canone. Perchè poi Lupin c'è eccome. Senza riletture psicologiche, senza tentativi troppo eccentrici di rivisitazione. Si raccontano davvero bene le sue storie, anche se a viverle è un altro ladro, comunque dai romanzi e racconti guidato... come se fossero... la sua bibbia (e qui non è il caso di fare... troppi spoiler). Funziona la trama, con un primo episodio geniale capace di ripetersi nei successivi. Di solito in queste serie mancano poi le idee: qui invece, proprio perchè il canone dei romanzi si segue alla lettera nonostante l'ambientazione contemporanea, ogni colpo del nostro ha un piano ben strutturato e l'asso nella manica capace di risultare un gioco di prestigio come ti aspetteresti se hai letto e amato i

Appunti di Capodanno

Immagine
1- Devi essere furbo e molto a farti multare per l'autocertificazione. Pensatela prima. Fai una prova. Chiedi alla nonna se la storia regge. Ma diamine, farsi beccare con l'autocertificazione sbagliata è come andare in questura e dire: voglio rapinare la banca qui davanti, potete arrestarmi? 2- Iniziato a vedere la quarta parte delle "Terrificanti avventure di Sabrina". Che dire? Altra idea di valore andata a quel paese dalla voglia degli sceneggiatori di calpestare il proprio lavoro? Non poteva che essere l'ultima. Terrificante, ma non nel senso del titolo. 3- Incredibile il numero di persone che ieri mi ha fatto gli auguri alle 22,30. Arresi al sistema, eh? Incredibile anche il numero di persone che nei servizi televisivi presentava il capodanno con solo qualche parente come una cosa di cui doversi quasi vergognare: "Eh sarò con le mie figlie... mia moglie... solo noi..." Cioè, certo che se uno si vede così poi si deprime. 4- Primissimo pensiero dell